Riccardo Guarneri
Riccardo Guarneri

Biografia

Dopo gli studi al Liceo Scientifico e la frequentazione della Scuola Libera del Nudo a Firenze, inizia a dipingere nel 1953, contemporaneamente ad un'attività musicale: suona jazz e chitarra classica esibendosi con orchestre di musica leggera in Italia e all'estero. Dopo i primi quadri inizialmente figurativi si avvicina all'area Informale come lo stesso Guarneri racconta in un'intervista con Giovanna Uzzani pubblicata sul catalogo della personale tenutasi a Palazzo Pitti (Firenze, 2004): «"... Poi è arrivato il 1958 e la pittura è diventata più importante, più seria. Ancora brancolavo. Tra il 1 958 e il '59 mi ritrovai all'Aja a suonare. Mi innamorai degli autoritratti dell'ultimo Rembrandt. Niente di più informale. Su grevi fondi scuri comè la notte mi apparivano segni balenanti, saette di luce, bagliori dorati.
Così cominciai a ispirarmi a Rembrandt nelle mie tele informali, anche se nessuno se n'era accorto. Era la luce, erano quei bagliori a interessarmi. Già allora intuivo come centrale il tema della luce, ma ancora non sapevo rinunciare alla materia e pensavo a Wols ed anche ad Aiechinskj. Poi mi accorsi di sentire i Cobra troppo violenti e istintivi, così mi lasciai piuttosto attrarre dalla purezza di Licini, dalle invenzioni liriche di Klee. Quando tornai a Firenze, scoprii che Fiamma Vigo aveva aperto il nuovo spazio di via degli Artisti, luogo di incontro di pittori astratti e dì giovani avventurosi. Nacque l'opportunità di una mostra nel '59, si intitolava Baldi - Fallarli - Guarneri - Masi - Verna. Cinque informali a Firenze.

R B ARTE S.R.L. - Strada prov.le brancadoro Snc 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - TEL. 0734.872018- FAX. 0734.990521 - C. FISCALE E P. IVA 02284710445
E-mail: info@realarte.it Pec: rbartesrl@pec.it