Cesar
Cesar

Biografia
Cesare Baldaccini,  meglio noto come César, è uno degli esponenti di rilievo delNouveau Réalisme. Scultore italo-francese, i suoi frammenti della realtà sono oggetto non di assemblaggio, ma di trasformazione e camuffamento, attraverso un’operazione che non è brutale o violenta, quanto piuttosto scientifica, fredda, critica. Studia alla Ecole des Beaux-Arts di Marsiglia dal 1935 al 1939 e in seguito alla Ecole des Beaux-Arts a Parigi. César si stabilisce definitivamente a Parigi nel 1943 trasferendosi sopra lo studio di Alberto Giacometti, dove incontra Pablo Picasso, Jean Cocteau e Jean Paul Sartre.
Nel 1947 realizza opere con l’utilizzo del gesso ed il ferro. Di ritorno in Provence negli anni Cinquanta da vita alla tecnica artistica che lo renderà famoso in tutto il mondo, realizzando le sue prime sculture con il metallo riciclato, scovato nelle discariche. Nel 1952 comincia a realizzare sculture saldando assieme rottami di ferro, facendosi inizialmente conoscere per le sue massicce sculture rappresentanti insetti, vari tipi di animali, nudi etc. La sua prima importante mostra personale si tiene a Parigi, al Salon de Mai, nel 1955. Il successo è tale che tutte le opere in mostra vengono vendute in breve tempo e l’artista viene invitato a partecipare alla Biennale di Venezia del 1957, successivamente alla biennale di San Paolo e a Documenta II nel 1959, esponendo poi, nel 1961, a New York.
A partire degli anni Sessanta, lo scultore crea una serie di “compressioni controllate” che diventeranno la cifra stilistica del suo linguaggio artistico. Più tardi, nello stesso anno, César si unisce al gruppo dei Nouveau Réalistes di cui fanno parte artisti come Arman, Yves Klein, Martial Raysse, Jean Tinguely, Pierre Restany e altri. Nel 1965 inizia a lavorare con la plastica, dapprima con stampi in plastica di impronte umane e dal 1966 in poi versando poliuretano espanso, cui lascia il tempo di espandersi e solidificarsi. Già nel 1966 l’artista rinuncia alla scultura in metallo saldato e dal 1967 al 1970 organizza una serie di avvenimenti nei quali produce espansioni in presenza del pubblico. Gli ultimi lavori includono anche sculture in cristallo fuso.
Il nome di César è anche collegato al trofeo “César du Cinema”, l’equivalente francese degli Oscar, creato nel 1975 sotto la presidenza di Jean Gabin. Nel 1982 alcune retrospettive delle sue opere vengono organizzate dal Musée d’Art Moderne a Liegi, dall'Espace Niçois d’Art et de Culture a Nizza, dalla Seibu Foundation. Nel 1983, crea una scultura in omaggio di Pablo Picasso, il “Centauro”, alta 4,70 metri e terminata nel 1985, attualmente collocata all’incrocio della Croix-Rouge a Parigi. Nel 1986 espone alla Fondation Cartier una compressione monumentale delle Peugeot 205, dei rally diJean Todt; alla Biennale di Venezia dello stesso anno realizza un’immensa compressione con oltre 520 tonnellate di materiale.Poco prima di morire, nel 1998, crea una “suite milanese” con macchine della Fiat.
R B ARTE S.R.L. - Strada prov.le brancadoro Snc 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - TEL. 0734.872018- FAX. 0734.990521 - C. FISCALE E P. IVA 02284710445
E-mail: info@realarte.it Pec: rbartesrl@pec.it